Archivi categoria: Mariano Dallago

Mariano Dallago

_mg_0327

Perchè ti dovrei ascoltare, professore?

…chissà perchè questo titolo mi fa tornare piccino…e precisamente ai primi anni di scuola elementare. La maestra si chiamava Gina, (già, si chimava, purtroppo…).

Adoravo quella sua voce, calda e dolce. Mi piaceva veder correre il gesso sulla lavagna a formare le varie lettere dell’alfabeto. La “A” di ape, la “T” di tetto. Ogni lettera una storia, ogni storia una fantasia, ogni fantasia un sogno! Aveva il dono di saper raccontare le storie!

A quarant’anni di distanza mi ritrovo a prendere il suo posto…e tocca a me raccontare le storie. Già, è un bel modo di farsi ascoltare, me ne rendo conto.

Allora mi rivolgo all’allievo (all’allievo che ancora sta dentro di me?..forse..) e che ha (ancora?) voglia di sentire delle storie.

La “A” di ape diventa la “F” di fotografia (o di diaframma, come simbolo!), la “T” di tetto si trasforma in tempo di posa e cosÏ via.

E mescolando queste lettere in questi anni ho costruito la mia storia e l’ho incrociata con quella di tanti altri che si sono influenzate a vicenda. E ripercorrerla, raccontandola Ë anche un buon modo per non scordarla.

…chiaro, mica è finita, anzi, ora la sto anche incrociando con la vostra, la vostra di allievi.

E raccontandovi che la fotografia è stata semplicemente (?) un pretesto per continuare a sognare (o per attaccare bottone con le fanciulle), bhe, trovo sia un bel pretesto per ascoltare le mie storie, no?

post-it1

Commenti autografi dei visitatori lasciati sui post-it durante la mostra.

*E’ bello leggere persone che hanno l’onestà di raccontarsi così… Claudia

*simpatico!!!!

*…contento, di professori come lei pochi… ma soprattutto di persone come lei!

*gli ultimi saranno i primi!

*invest in you youth, gain now, gain later