Hagit Pincovici

hagit

Perchè ti dovrei ascoltare, professore?

Uno, due, tre, infinito.

Il tempo corre a volte lento, a volte in fretta, con un centro sospeso e impercettibile, nel quale ognuno lascia un’impronta e dipinge la storia propria ed altrui, da una forma universale e unica, dove riflettere se stessi.

Resta solo a noi cogliere tutto ciò.

post-it1

Commenti autografi dei visitatori lasciati sui post-it durante la mostra.

*questa mostra è stupenda. Kiss kiss Caterina

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...